Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: concorsi e ricorsi

concorsi e ricorsi 1 Anno 1 Settimana fa #1176

  • markowitz
  • Avatar di markowitz
  • OFFLINE
  • Lettore
  • studio legale online
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Vi è un ente pubblico che nel sussueguirsi di alcuni anni emana alcuni bandi di concorso tutti uguali per una determinata posizione. Ad un certo anno vi è una riforma interna all'ente con l'introduzione di nuovi gradi/livelli/figure professionali. La riforma è immediatamente precedente alla presa di servizio delle persone che hanno vinto l'ultimo bando e questi vengono ora assunti con un certo grado che è superiore a quello che era dichiarato nel bando. Tuttavia alle persone già entrate in passato con un bando uguale non viene riconosciuto questo passaggio automatico di grado ma per raggiungerlo è invece necessario superare una sorta di prova "interna".
E' lecito questo attegiamento da parte dell'ente ?
a me sembra di no perché a parità di bando è offerto un trattamento diverso, ovvero l'anzianità di servizio anzi che essere un merito è trattato come una colpa. D'altra parte mi viene fatto notare che tale decisione dell'ente è stata "contrattata" con i sindacati che, anche se per motivi estranei alla vicenda, hanno accettato un "pacchetto" che comprende anche questa "fregatura" (tale solo per una minoranza poco rappresentata in sede sindacale).
Si può, dal punto di vista di uno o più dei "fregati", intentare un ricorso per chiedere l'estensione del passaggio automatico? E' rilevante l'aver provato, con esito negativo ovviamente, a superare la prova interna ?
Ultima modifica: 1 Anno 1 Settimana fa da markowitz.
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!
Moderatori: Marco, laurapoccioni



Tempo creazione pagina: 0.196 secondi
Powered by Kunena Forum