Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Riconciliazione dopo separazione

Riconciliazione dopo separazione 6 Anni 5 Mesi fa #164

  • Donatella
  • Avatar di Donatella
Io e mio marito siamo separati da sei mesi esatti. Da circa tre settimane, per amore di nostra figlia di quattro anni, abbiamo ripreso la convivenza e adesso, ho paura a dirlo, sembra che le cose siano davvero cambiate da prima. Insomma, ci stiamo riprovando!! La separazione era stata consensuale, ci aveva seguito l'avvocato di mio marito. Volevo avere conferma che in caso di riconciliazione non ci siano annotazioni o altre cose da fare così come mi ha detto mio marito che a sua volta lo ha chiesto all'avvocato. Non mi piace l'idea che se torniamo insieme esista ancora un documento ufficiale che dice che siamo separati! Non si può fare nulla?? :(
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!

Re: Riconciliazione dopo separazione 6 Anni 5 Mesi fa #169

  • Silvia
  • Avatar di Silvia
  • OFFLINE
  • Moderatore
  • studio legale online
  • Messaggi: 6
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 6
La riconciliazione è l’accordo tra i coniugi separati con cui gli stessi fanno rivivere gli effetti del matrimonio senza necessità di formalismi particolari. Vale in questi casi il favor matrimonii, cioè il principio che pur di favorire l’unione del nucleo familiare esclude formalità particolari per la riconciliazione. In altri termini ciò vuol dire, che i coniugi separati potranno riconciliarsi e porre così fine allo stato di separazione anche di fatto, cioè tornando a vivere stabilmente insieme.
Le ipotesi che si possono verificare sono due:
1.la riconciliazione durante il procedimento di separazione, nel qual caso l’articolo 154 del codice civile prevede che “la riconciliazione tra i coniugi comporta l’abbandono della domanda di separazione personale già proposta”;
2.la riconciliazione dopo l’omologa del giudice (separazione consensuale) o dopo la sentenza di separazione (separazione giudiziale), nel qual caso l’articolo 157 del codice civile prevede che “I coniugi possono di comune accordo far cessare gli effetti della sentenza di separazione, senza che sia necessario l'intervento del giudice, con una espressa dichiarazione o con un comportamento non equivoco che sia incompatibile con lo stato di separazione. La separazione può essere pronunziata nuovamente soltanto in relazione a fatti e comportamenti intervenuti dopo la riconciliazione
È lo stesso codice civile infatti che all’art. 157, rubricato “cessazione degli effetti della separazione”, prevede, al primo comma, che “i coniugi di comune accordo possono far cessare gli effetti della sentenza di separazione, senza che sia necessario l’intervento del giudice, con una espressa dichiarazione o con un comportamento non equivoco che sia incompatibile con lo stato di separazione
La separazione può essere pronunziata nuovamente soltanto in relazione a fatti e comportamenti intervenuti dopo la riconciliazione (secondo comma)”.
La riconciliazione fa cessare quindi lo stato di separazione e nel caso di nuova separazione dei coniugi ricomincerà da questo momento il conteggio dei tre anni necessari per poter procedere al divorzio
Sul punto il Supremo Collegio si è espresso attraverso pronunce pressoché costanti statuendo che “affinché lo stato di separazione possa ritenersi interrotto a causa della riconciliazione tra i coniugi è necessario il ripristino del consorzio familiare attraverso la restaurazione della comunione materiale e spirituale tra i coniugi stessi cessata appunto con la separazione, consistendo la riconciliazione nella volontà dei coniugi di ricostituire integralmente non solo la convivenza materiale ma anche l’unione spirituale che è alla base della convivenza medesima e caratteristica della vita coniugale (tra le tante: Cass. Civ. 28.2.2000 n. 2217; Cass Civ. 7.7.2004 n. 12427; Cass Civ. 16.10.2005 n.19497.
Alla luce di quanto sopra la riconciliazione tra coniugi separati presuppone che gli stessi pongano in essere comportamenti non equivoci che risultano incompatibili con lo stato di separazione e ciò attraverso cioè degli atti, dei gesti e dei comportamenti atti a dimostrare la loro effettiva volontà e disponibilità a riprendere la convivenza coniugale ed a costituire la rinnovata comunione mediante la ripresa di quei rapporti materiali e spirituali che caratterizzano il vincolo matrimoniale.
Ritengo quindi che, nel caso di intervenuta riconciliazione, i coniugi che si sono separati (nel caso di specie separazione consensuale omologata, con decreto, dal Tribunale, la cui annotazione risulta a margine dell'atto di matrimonio) possono rendere una dichiarazione di fronte all'Ufficiale di Stato Civile del Comune dove risulta iscritto/trascritto l’atto di matrimonio o dove erano residenti i coniugi al momento del matrimonio, con la quale manifestano la loro volontà di riconciliazione. L'Ufficiale di Stato Civile competente, accertata la sua competenza, provvede ad acquisire la documentazione necessaria per la stesura dell'atto dopo aver ricevuto l'istanza da parte dei richiedenti. Una volta acquista la documentazione necessaria, l'Ufficiale di Stato Civile, predispone l'atto di riconciliazione che dopo essere stato letto agli intervenuti, dovrebbe essere sottoscritto dai diretti interessati.
Spero di esserti stata utile. Un saluto
Avv. Silvia Lenzi
Avv. Silvia Lenzi
Studio Legale De Stasio - Associazione Professionale
Via dell'Industria 1070 - 58022 Follonica
- www.studiodestasio.it

Regolamento del Forum - Note Legali - Richiedi un contatto
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!
I seguenti utenti ringraziano:: Claudio

Re: Riconciliazione dopo separazione 6 Anni 5 Mesi fa #171

  • Donatella
  • Avatar di Donatella
La ringrazio avvocato della cortese e velocissima risposta. Non ho capito però se l'atto di riconciliazione elimina la sentenza di separazione come se non ci fosse mai stata oppure rimarrà sempre traccia di questo episodio. Lo so che può sembrare una cosa sciocca, però mi è stato detto che chiunque potrebbe andare in tribunale e vedere che io e mio marito nell'anno x ci eravamo separati. Anche nostra figlia per esempio quando sarà grande. Non che glielo vorremo tenere nascosto ma insomma sarebbe stato meglio per me cancellare tutto. Grazie se mi vorrà anche dare questo chiarimento.
Donatella
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!

Re: Riconciliazione dopo separazione 6 Anni 5 Mesi fa #185

  • Donatella
  • Avatar di Donatella
Buona sera Avvocato, mi rendo conto che forse la mia insistenza e' un po' sciocca e inconcludente. Sono andata a parlare con l'avvocato di mio marito parlandogli anche dell'atto dell'ufficiale dello stato civile per la riconciliazione. A dire la verità ho avuto l'impressione che non sapesse di cosa si tratti e infatti mi ha liquidata assicurandomi che non serve a niente e che comunque la sentenza è priva di valore.
Ho capito che non vale nulla ma rimane come nella fedina penale, scusi il paragone sciocco, o viene cancellata?
La prego di un'ultima risposta!!! :(
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!

Re: Riconciliazione dopo separazione 6 Anni 5 Mesi fa #186

  • Silvia
  • Avatar di Silvia
  • OFFLINE
  • Moderatore
  • studio legale online
  • Messaggi: 6
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 6
Come già da me indicato nel precedente messaggio è possibile che i coniugi si riconcilino sia nel corso del procedimento di se-parazione sia successivamente. La riconciliazione in corso di procedimento comporta l'abbandono della domanda di sepa-razione; quella intervenuta successivamente alla sentenza di separazione, come nel caso da te prospettato, fa cessare gli effetti del provvedimento.
La riconciliazione cancella quindi tutti quei fatti che hanno dato luogo alla separazione. Una nuova separazione potrà es-sere pronunziata solo per fatti e comportamenti intervenuti suc-cessivamente alla riconciliazione dei coniugi.
Alla luce di quanto sopra, ritengo che la cosa che potete fare te e tuo marito è quella di andare all’anagrafe del Comune dove è stato trascritto l’atto di matrimonio e far annotare, a margine dell’atto stesso, l’avvenuta riconciliazione.
Al fine di rispondere al Tuo quesito, ritengo comunque che il decreto di omologa della seprazione consensuale tra voi inter-venuta rimanga comunque trascritto nell’atto di matrimonio.
Comprendo la tua paura che avevi accennato la scorsa volta ovvero quella che tua figlia, quando sarà più grande, possa venire a conoscenza della separazione tra voi intervenuta ma comprenderà anche che tra i loro genitori è ripresa quell'unione materiale e spirituale che fonda le basi del matrimonio e della vita coniugale.
Un saluto e in bocca al lupo per tutto.
Avv. Silvia Lenzi
Studio Legale De Stasio - Associazione Professionale
Via dell'Industria 1070 - 58022 Follonica
- www.studiodestasio.it

Regolamento del Forum - Note Legali - Richiedi un contatto
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!

Re: Riconciliazione dopo separazione 6 Anni 5 Mesi fa #187

  • Donatella
  • Avatar di Donatella
Grazie avvocato della sua pazienza. Se ho capito la sentenza, nonostante non abbia effetto, rimarra' li dove e' per sempre. Purtroppo abbiamo commesso un errore, a volte specialmente per cose cosi' importanti, bisgonerebbe pensare prima a tutte le conseguenze! Ormai e' andata cosi'! Grazie e buon Natale. :blush:
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!
Moderatori: Silvia, Ilaria



Tempo creazione pagina: 0.175 secondi
Powered by Kunena Forum